EXPO 2015: IMPATTO AMBIENTALE RIDOTTO PER I RISTORANTI EATALY GRAZIE AI PIATTI MONOUSO IN MATER-BI ® REALIZZATI DA CAMI CON
MATERIALE PRODOTTO DALLA I.M.P.A. DI CASALE SUL SILE

Un traguardo attorno ai due milioni di pasti serviti nei 20 ristoranti Eataly di EXPO2015 ed un primo bilancio di sostenibilità altamente positivo grazie alle stoviglie monouso in Mater-Bi ® , le uniche a poter essere raccolte con i rifiuti di cucina e avviate al compostaggio, garantendo così la riduzione della produzione di rifiuti indifferenziati e dell’emissione di gas a effetto serra dei ristoranti Eataly.
La materia prima di Novamont è stata trasformata -dal granulo al semilavorato in bobina- dalla ditta IMPA spa di Casale sul Sile, mentre con successiva lavorazione la ditta CAMI, azienda piemontese, ha prodotto i piatti e le ciotole in Mater-Bi ® , che assicurano massima compostabilità, assenza di odore, eccellenti caratteristiche meccaniche ed estetiche e termoresistenza fino a 85°.
La funzionalità di questi manufatti consente di poter scegliere l’opzione ambientalmente più compatibile, senza rinunciare alle massime performance. Il materiale bioplastico Mater-Bi ® per il settore della ristorazione si conferma la scelta privilegiata in tutte quelle applicazioni d’uso come i grandi eventi di pubblico, la refezione scolastica o la ristorazione fast in cui la necessità di limitare la produzione di rifiuti indifferenziati è sempre più pressante.La trasformazione di questa particolare materia-prima ha richiesto specifici studi che sommati all’esperienza cinquantennale dell’IMPA nel settore dell’estrusione delle materie plastiche ha permesso di ottenere il risultato prefissato.La partnership tra aziende italiane si è ancora una volta dimostrata una strategia vincente anche di fronte alla difficile platea dei milioni di visitatori della manifestazione milanese.
Per IMPA si è trattato di un’ulteriore esperienza in un campo già conosciuto ma in continua evoluzione,dove la ricerca di prodotti eco compatibili sta diventando predominante ed i risultati raggiunti in questa collaborazione con Novamont stanno a testimoniare la possibilità di arrivare ad un articolo finale veramente biodegradabile e compostabile.
In virtù del successo di questa operazione per EXPO2015, Novamont e IMPA proseguiranno nello sviluppo del prodotto al fine di poter soddisfare la crescente domanda di monouso compostabile.